Home » ARTICOLI - 5° pagina » Olio essenziale di Melissa

Olio essenziale di Melissa


Olio essenziale di Melissa

Olio essenziale di Melissa - StudioNaturopatiaGuidoParente

Olio essenziale di Melissa

Melissa officinalis

 

Guido Parente

Naturopata

 

 

Il nome della Melissa vera (μέλισσα, «ape») per la mitologia greca, deriva dalla ninfa che avrebbe creato l'arte dell'apicoltura, colui che ha scoperto la Melissa è Joseph Pitton de Tournefort, un botanico francese.

Per le  sue proprietà antispasmodiche e antinfiammatorie, e agli oli essenziali che contiene, la melissa è utilizzata nella cura di molti disturbi,  è conosciuta per le sue proprietà calmanti e sedative, per questo viene utilizzata per calmare l'ansia e diminuire la tensione dovuta a periodi di stress, che spesso compromettono anche il riposo causando insonnia, di ottimo utilizzo per le proprietà cognitive per chi studia.

Il suo aroma agrumato è inconfondibile, è dovuto alla presenza di oli e terpeni come il citrale, il gerianiolo, il limonene, il citronellale, che lo rendono simile a quello di agrumi come il limone e il cedro, e a quello della citronella, con la quale condivide molti di questi oli essenziali.

 

A livello storico, sappiamo che è stata introdotta nella medicina come rimedio moralmente esilarante e confortatore dei nervi, Galeno e Paracelso la consigliavano nella mania e nei disturbi psichici. Serapio narrava che alleviava le inquietudini e tristezze del cervello e principalmente quelle prodotte dalla malinconia.

 

Nel mondo Arabo, era tenuta in grande considerazione: il medico Avicenna già nell’XI secolo attribuiva alla specie “la meravigliosa proprietà di rallegrare e confortare il cuore”. 

 

I Carmelitani Scalzi, nel 1611, avevano inventato l'Alcolato di Melissa, o “Acqua di Melissa”, che utilizzavano principalmente per le sue proprietà antispasmodiche, e questo era un rimedio popolare, a
 cui facevano ricorso tutte le classi sociali nei momenti critici della loro vita (dal mal di denti, alle sincopi, alle crisi di nervi ecc.).

 

Vi sono alcuni che attribuiscono a questa pianta, proprietà magiche: la melissa è considerata un talismano d'amore capace di attirare o richiamare rapporti amorosi, mantenendoli costanti nel tempo.

 

 

 

Descrizione   

La Melissa una piccola pianta perenne erbacea aromatica dai delicati fiori labiati appartenente alla famiglia delle Lamiacee.

In Italia la troviamo, in modo discontinuo, su tutto il territorio, spesso coltivata in siepi e giardini per il suo odore agrumato molto gradevole.

Cresce spontaneamente nell'Europa meridionale e nell'Asia occidentale,  la troviamo  in Francia (tutti i dipartimenti alpini), in Svizzera (cantoni Ticino e Grigioni), in Austria (Länder del Vorarlberg, Tirolo Settentrionale, Salisburgo, Carinzia e Austria Inferiore) e in Slovenia.

 

Curiosità

La melissa in altre lingue è chiamata nei seguenti modi:

(DE) Zitronen-Melisse

(FR) Mélisse officinale

(EN) Lemon Balm

 

Proprietà chimiche

ü  Olio essenziale (citrale, citronellale e cariofillene);

ü  Flavonoidi (quercetina, apigenina).

ü  Sostanze amare;

ü  Derivati dell'acido caffeico e clorogenico;

ü  Acido rosmarinico;

ü  Triterpeni;

ü  Polisaccaridi;

ü  Mucillagini;

ü  Glicosidi.

 Proprietà medicinali dell'Olio di Melissa

L’Olio essenziale che deriva dalle foglie della Melissa, viene utilizzato per:

  1. negli stati d’ansia con somatizzazioni a carico del sistema gastroenterico.
  2. dolori mestruali,
  3. nevralgie,
  4. disturbi della digestione,
  5. tosse,
  6. nausea,
  7. flatulenza
  8. crampi addominali
  9. colite,
  10. fame nervosa,
  11. palpitazioni,
  12. vertigini,
  13. sintomatologia di natura psicosomatica
  14. mal di testa, quando è causato da tensione nervosa,
  15. lenisce e decongestiona la pelle sensibile
  16. carminativa,
  17. coleretica,
  18. eupeptica-stomachica,
  19. ansiolitico,
  20. insonnia causata da stanchezza eccessiva, nervosismo, sindrome premestruale,
  21.  tachicardia su base funzionale.

In particolare, per quelle forme di insonnia, causate da pensieri circolari, agitazioni, ansie, stanchezza eccessiva e tensione, la melissa è rimedio di grande aiuto.

 

Vi sono anche effetti miorilassanti, infatti, gli effetti benefici della melissa, si riflettono anche sulla muscolatura liscia, con azione spasmolitica e distensiva, calma il nervosismo muscolare da stanchezza e sovraeccitazione.

 

L'acido rosmarinico è  anche il responsabile dell'attività antivirale che la melissa esercita sull'Herpes simplex virus, inoltre, recentemente, sono stati svolti studi per indagare sulle potenziali proprietà antitumorali della melissa, ed è emerso che l'estratto idro-alcolico di melissa è capace di inibire la proliferazione di alcuni tipi di cellule maligne, in particolar modo quelle appartenenti a tumori ormono-dipendenti.

 

Tra i suoi innumerevoli impieghi è usata:

repellente nei confronti degli insetti,

balsamico (in forma di olio o di tisana),

antibatterico.

 

Ha inoltre una buona capacità di ridurre gli stress ossidativi e gli effetti di un’esposizione contenuta ma costante alle radiazioni: in molti ospedali è somministrata regolarmente agli staff di radiologia.

 

Utilizzo per capacità cognitive e nello studio

Tra i vari studi ed esperimenti svolti sulla Melissa, riguardanti  il suo utilizzo, si è verificato che oltre ad indurre una auto-percezione di calma, nei volontari sono stati riscontrati aumenti dell’accuratezza dell’attenzionemiglioramenti della memoria secondaria e di specifiche aree della memoria a breve termine, specie per la “working memory”, direttamente collegata alla visione e al dover prendere decisioni, soprattutto riguardo al comportamento, e quindi di grande validità di utilizzo con vaporizzatori per studenti e lavoratori.

 

I metaboliti della melissa vanno ad attivare specifici ricettori della corteccia frontale, definiti nicotinici e muscarinici, e più alta è la dose di melissa assunta, più evidenti sono i miglioramenti delle performance cognitive da essa indotti.

 

 Controindicazioni

 

La Melissa viene controindicata per i soggetti che soffrono di ipotiroidismo o affetti da glaucoma perché può aumentare la pressione endoculare.

 In caso di assunzione eccessiva, la melissa può determinare, causando ansia e agitazione.

 Inoltre, si sconsiglia l’uso anche in gravidanza e durante l’allattamento. 

Guido Parente   Naturopata

©2019 Guido Parente. SIAE 2019. All rights reserved

StudioNaturopatiaGuidoParente

Instagram Guido Parente

COLLABORAZIONI

COLLABORAZIONI - StudioNaturopatiaGuidoParente

AreaOlistica.it

COLLABORAZIONI - StudioNaturopatiaGuidoParente

NATUROPATA ONLINE

COLLABORAZIONI - StudioNaturopatiaGuidoParente

OLISTIC MAP

COLLABORAZIONI - StudioNaturopatiaGuidoParente

ALTRA SALUTE

COLLABORAZIONI - StudioNaturopatiaGuidoParente

CURE NATURALI

COLLABORAZIONI - StudioNaturopatiaGuidoParente

Studio Naturopatia e Pranoterapia Guido Parente

COLLABORAZIONI - StudioNaturopatiaGuidoParente

Edizioni Andromeda

COLLABORAZIONI - StudioNaturopatiaGuidoParente

Studio Naturopatia Guido Parente

Attività

Attività - StudioNaturopatiaGuidoParente

Possibilità di effettuare MASSAGGI OLISTICI per i NATUROPATI